Notizie

SETTEMBRE e OTTOBRE 2016: CHIUSURE STRAORDINARIE

L'Amministrazione Comunale comunica alcune chiusure strordinarie previste per il mese di settembre 2016:

- VENERDì 9 SETTEMBRE 2016 l' ultimo ingresso è anticipato alle ore 16.30

- MARTEDI' 27 ultimo ingresso alle ore 14.00

- MERCOLEDÌ' 28 ultimo ingresso alle ore 14.00

- GIOVEDI' 29 SETTEMBRE chiusura straordinaria per l'intera giornata.

- 2 OTTOBRE chiusura anticipata ore 16:00

- 7 OTTOBRE chiusura anticipata ore 16.00

- 9 OTTOBRE chiusura anticipata ore 16.00

 

In vigore gli orari estivi 2016

Cambiano gli orari di apertura dei musei civici di Vicenza che, fino a domenica 11 settembre 2016, adotteranno l’orario estivo.
Il Teatro Olimpico e palazzo Chiericati saranno aperti dalle 10 alle 18, il Museo naturalistico archeologico dalle 10 alle 13.30 e il Museo del Risorgimento e della Resistenza dalle 10 alle 14 e dalle 15.15 alle 18.

Tutte le sedi saranno accessibili dal martedì alla domenica.

BIGLIETTI E ORARI

L' Olimpico di Palladio era piccolo - Un“abuso edilizio”nel cortile consentì a Scamozzi di allargare la scena da uno a tre archi

Articolo di Guido Beltramini*direttore del Centro internazionale studi d’architettura Andrea Palladio  
da IL GIORNALE DI VICENZA 19/07/2016
 
Un“abuso edilizio”nel cortile consentì a Scamozzi di allargare la scena da uno a tre archi.
Lo rivela una mappa del Chiericati restaurata dalla Fondazione Roi

Andrea Palladio muore nell’agosto del 1580, solo sette mesi dopo aver cominciato la progettazione del teatro Olimpico. Saranno suo figlio Silla e Vincenzo Scamozzi a completare il progetto palladiano: ma lo fecero in modo fedele o alterarono l’idea originaria? Su questa domanda si sono arrovellati per secoli i palladianisti, in particolare sulle scenografie prospettiche oltre la grandiosa scena. Pensate che fino a una cinquantina d’anni fa non tutti gli studiosi erano convinti che fosse Scamozzi, e non Palladio, l’autore delle scenografie delle sette vie di Tebe, realizzate per la prima rappresentazione, l’Edipo Re, e poi divenute permanenti. Se oggi siamo ragionevolmente certi che siano di Scamozzi è grazie a un grande vicentino, Licisco Magagnato e ad una mappa del 1599.

Leggi tutto: L' Olimpico di Palladio era piccolo - Un“abuso edilizio”nel cortile consentì a Scamozzi di...

Programma 2016 delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico

LA GRANDE MUSICA NEL TEATRO OLIMPICO E IN TUTTA LA CITTÀ DEL PALLADIO

Settimane Musicali al Teatro Olimpico
XXV edizione
Vicenza, Teatro Olimpico
22 maggio-15 giugno 2016

settimane musicali 2016

Lo si potrebbe chiamare il Festival delle meraviglie, tante ne riunisce la rassegna delle Settimane Musicali al Teatro Olimpico, che torna dal 22 maggio al 15 giugno 2016 per la XXV edizione. Lo spazio scenico più famoso al mondo, capolavoro palladiano e fonte di stupore infinito per ogni osservatore, si riempie delle armonie di Wolfgang Amadé Mozart e di Johannes Brahms, grazie all’arte di musicisti eccelsi, che ogni anno si radunano sul palco dell’Olimpico ricreando la magia della grande musica.

Il XXV anno delle Settimane Musicali si apre con un’anteprima, ideata da Sonig Tchakerian e accolta con entusiasmo dall’Amministrazione Comunale, per accompagnare Vicenza nell’attesa del festival: sarà MuVi – MusicaVicenza, una giornata in cui i luoghi più suggestivi del centro storico saranno avvolti dalla musica e dagli artisti, in modo informale. Domenica 22 maggio MuVi porterà la musica all’Odeo del Teatro Olimpico, in Sala degli Stucchi e nella Corte di Palazzo Trissino, nel salone e sotto il colonnato di Palazzo Chiericati, nelle logge della Basilica Palladiana, nella Loggia del Capitaniato e in Piazza dei Signori.

Il direttore artistico, Giovanni Battista Rigon, propone un programma ricchissimo di spettacoli, assecondando la doppia anima, cameristica ed operistica, di un festival prestigioso, unica realtà invitata a partecipare all'EFA (European Festival Association), e unica a portare, dal 2004, l’opera lirica al Teatro Olimpico. Un fatto che è valso alla rassegna il premio Abbiati della critica italiana, il più alto riconoscimento nazionale per la musica operistica.
La stagione 2016 porta in scena “Le Nozze di Figaro” di W.A. Mozart (direzione di Giovanni Battista Rigon e regia di Lorenzo Regazzo), in un allestimento leggero e moderno, che fa incontrare la classicità di Palladio con il gusto contemporaneo degli spettatori. Sarà in scena il 3 e il 10 giugno alle ore 20, e il 5 e il 12 giugno alle ore 18. L’opera si alterna ad una proposta ricercata, quale la “Petite Messe solennelle”, capolavoro della vecchiaia di Gioachino Rossini, che verrà eseguita con l'organico originale di dodici voci soliste, nelle sere del 4 e dell’11 giugno, alle ore 21.

Il progetto artistico della musica da camera è immaginato da Sonig Tchakerian; il festival diventa l’occasione per creare ensemble speciali, nei quali sono invitati a suonare insieme artisti legati da amicizie profonde. Il loro incontrarsi al Teatro Olimpico si basa su un grande senso di rispetto e di condivisione, elementi essenziali per interpretare assieme la grande musica. Gli artisti ospiti, accanto a Sonig Tchakerian, sono Giovanni Guglielmo, Mario Brunello, Silvia Chiesa, Benedetto Lupo, Riccardo Zamuner, Luca Ranieri, Enrico Carraro, Gianluca Pirisi, Alfredo Zamarra, Viviana Lasaracina, Silvia Regazzo, Orazio Sciortino, l’Orchestra di Padova e del Veneto. I concerti sono il 25 e il 28 maggio, il 7, l’8 e il 15 giugno, sempre alle ore 21.

Prosegue il Progetto Giovani con due concerti alle Gallerie d’Italia di Palazzo Leoni Montanari (ore 17) che vedranno in scena il 4 giugno il vincitore della borsa di studio “Settimane Musicali al Teatro Olimpico” in collaborazione con l’Accademia Nazionale Santa Cecilia in Roma, e l’11 giugno il vincitore del Premio Brunelli. Il Festival vive anche oltre i confini del teatro, con conversazioni sull’opera e sulle proposte musicali del festival che vedono protagonisti esperti quali Michele Suozzo, Alessandro Cammarano, Cesare Galla e Giovanni Guglielmo. Inoltre Giovanni Bietti presenterà il suo ultimo libro “Mozart all’opera”, domenica 29 maggio alle 21.00, in Odeo.

Orari di apertura dei monumenti 2 - 5 giugno 2016

repubblica italiana logo

Di seguito potete scaricare gli orari di apertura dei monumenti di Vicenza e dintorni durante il Ponte del 2 giugno.

Allegato: orari apertura 2-5 giugno 2016

"Suite museum", dall'1 aprile nuova gestione informatica dei biglietti per i Musei civici

Biglietteria unica allo Iat di piazza Matteotti a cura del Consorzio Vicenzaè

entrata iat teatro olimpicoPer i Musei civici di Vicenza inizia l'era 2.0, con una nuova gestione informatica della vendita dei biglietti d'ingresso per Teatro Olimpico, Palazzo Chiericati, Museo Naturalistico Archeologico, Museo del Risorgimento e della Resistenza, chiesa di Santa Corona che verrà avviata l'1 aprile. Tutto verrà gestito nella sede dello Iat – ufficio di informazione e accoglienza turistica - di piazza Matteotti, a cura del Consorzio Vicenzaè, con la conseguente chiusura della biglietteria all'ingresso del Teatro Olimpico.

Il nuovo sistema “Suite Museum”, gestionale di Trient Consulting Group, che ha come obiettivo la razionalizzazione amministrativa, finanziaria e tecnica, offrirà in forma unificata il servizio di accoglienza turistica, la vendita di biglietti, il noleggio audio guide e l’attività di call center per informazioni e prenotazioni dei biglietti con l’obiettivo di offrire un servizio sempre più utile al turista.

Inoltre offrirà l'opportunità di prenotare le visite didattiche, di coordinare l'uso degli spazi e di gestire i turni del personale.

Il nuovo software - acquistato dal Comune con licenza triennale, con una spesa di 25 mila euro annui - consentirà di conoscere nel dettaglio, per singola sede, grazie a nuovi lettori ottici e a statistiche elaborate in tempo reale, i flussi e gli incassi derivanti dai biglietti, la provenienza e in generale il profilo dei visitatori e le modalità di utilizzo dei biglietti.

Il servizio sarà svolto da personale appartenente allo Iat la cui gestione, sulla base di un accordo di collaborazione tra Regione Veneto e Comune di Vicenza (approvato dalla giunta comunale nel dicembre 2014) è stata affidata al Consorzio Vicenzaè.

In questo modo il Comune utilizzerà proprie risorse per gestire un servizio ampiamente utilizzato.

Una delle novità più interessanti sarà la possibilità di pagare i biglietti direttamente allo Iat con bancomat e carta di credito poiché gli operatori saranno dotati di Pos.

Sulla vendita dei biglietti prenotati tramite call center verrà applicato un diritto di prevendita ad eccezione delle scolaresche che svolgono attività didattica all'interno dei musei civici.

Il direttore dei settori musei, cultura e promozione della crescita, Loretta Simoni, ha precisato che il cambiamento nella gestione del servizio di biglietteria è stato deciso in conseguenza della scadenza del precedente appalto, per offrire un servizio completo e qualificato, improntato a tecnologie più al passo coi tempi che garantiranno anche un monitoraggio dei flussi e di conseguenza un più puntuale orientamento dell'offerta turistico-culturale. Si consideri poi che la gestione degli uffici di informazione e accoglienza turistica dallo scorso anno è stata demandata ai Comuni dalla Regione, secondo un'ottica che prevede una multifunzionalità dei servizi di accoglienza. Per il funzionamento dello Iat il Comune deve stanziare ogni anno 100 mila euro, provenienti dal gettito dell'imposta di soggiorno. Ecco allora che l'accorpamento in un unico luogo dei servizi di biglietteria e informazione - l'ufficio iat di Piazza Matteotti - attraverso un unico gestore - il Consorzio Vicenza è - consente importanti risparmi di spesa, significative economie di scala e una migliore integrazione tra le due funzioni. Nel complesso, il nuovo sistema produce un risparmio di spesa rispetto alla precedente gestione di circa 30 mila euro. Questa operazione di riassetto del sistema di vendita contribuisce, assieme alla crescita dei ricavi da biglietti e da concessioni e, in parallelo, alla razionalizzazione dei costi dell'intero sistema museale, a un risultato di gestione più che positivo. Va infine ricordato che dall'1 aprile sarà inoltre possibile pagare i biglietti direttamente con carta di credito e bancomat, servizio prima non previsto.

La vendita online dei biglietti avverrà tramite il portale Ticketlandia (www.ticketlandia.com) nella nuova sezione dedicata ai Musei Civici di Vicenza che sarà attivata nei prossimi giorni.

Il call center per prenotazioni e informazioni dall'1 di aprile risponderà al numero 0444964380 e potrà essere contattato tramite l'e-mail booking@comune.vicenza.it.

Teatro Olimpico, dal 28 febbraio tornano gli spettacoli di suoni e luci sulle note di Gabrieli, dei Pink Floyd e del cartoon disneyano “Fantasia”

Tornano gli spettacoli di suoni e luci al Teatro Olimpico. Terminati infatti gli interventi di manutenzione agli impianti e lasciate ormai alle spalle le temperature rigide registrate nelle scorse settimane anche a Vicenza (il gioiello palladiano non è dotato di riscaldamento), dal 28 febbraio riprenderanno le rappresentazioni basate sulle musiche suggestive dei Pink Floyd, del cartoon Fantasia e di Andrea Gabrieli, esaltate da giochi di luce in dialogo con il proscenio e le scene dell'Olimpico, teatro classico per eccellenza.

I visitatori potranno assistere agli spettacoli, compresi nel prezzo del biglietto d'entrata, durante la normale fascia oraria di apertura al pubblico, dalle 9 alle 17 dal martedì alla domenica. Nel dettaglio la nuova programmazione prevede alle 9.30 e alle 14.15 "Olimpico & Fantasy" su musiche tratte dal capolavoro disneyano "Fantasia", alle 10.30 e alle 15 "Olimpico-Another Face" su brani dei Pink Floyd, alle 11.30 e alle 15.45 "Olimpico Classic Style" su musiche originali di Andrea Gabrieli composte per lo spettacolo inaugurale del teatro del 1585.

L'ordine di programmazione degli spettacoli è stato disposto in considerazione dell'afflusso dei gruppi scolastici nella prima mattinata e ad inizio pomeriggio, dando quindi precedenza alle due nuove proposte realizzate (Fantasy ed Another Face), destinate al pubblico più giovane.
Per la nuova programmazione, anche lo spettacolo "classico", realizzato qualche anno fa con gli impianti sonori e illuminotecnici in quel momento in dotazione, è stato rivisto con l'utilizzo delle nuove, aggiornate strumentazioni di cui il teatro è stato successivamente dotato e con le quali sono stati realizzati i due spettacoli più recenti.

Dal 3 marzo al 14 aprile prossimi, inoltre, viene offerto ai visitatori nella giornata del sabato un "pacchetto spettacoli" che comprende "Olimpico&Fantasy" e "Olimpico-Another Face" con programmazione in fascia oraria al di fuori della normale apertura al pubblico: alle 17.30, alle 18.15 e alle 19. Il costo del biglietto per il pacchetto sarà di 2,50 euro a persona, prenotabile telefonicamente al call center +390412719044 oppure on line sul sito www.olimpicovicenza.it al costo aggiuntivo di 1,50 euro.

Sabato e venerdì sera: il Teatro Olimpico offre nuovi suoni e luci

suonieluciDue nuovi spettacoli di suoni e luci si aggiungono a quello classico in Teatro Olimpico.
Per il pubblico giovane “Olimpico-Another face”, su brani tratti dal repertorio dei Pink Floyd.
“Olimpico & Fantasy”, destinato ai bambini con “La danza delle ore” di Amilcare Ponchielli e “L’apprendista stregone” di Paul Dukas, tratti da “Fantasia”, classico Disney del 1940.
In questa prima fase di lancio i due nuovi spettacoli, della durata di circa 7 minuti ciascuno, verranno programmati dal 25 novembre fino al 7 gennaio 2012:
"Olimpico & Fantasy" venerdì e sabato alle 18.00 e alle 18.40
"Another Face" venerdì e sabato alle 18.20 e alle 19.00.
Ingresso al Teatro 15 minuti prima dello spettacolo.
Prenotazione (€ 1,50): www.olimpicovicenza.it - Call Center +39 041 2719044 fino al raggiungimento dei 99 posti disponibili.
In caso di disponibilità residua saranno possibili eventuali ulteriori ingressi contattando il Teatro Olimpico allo 0444 222800, dove acquistare poi il biglietto al prezzo di 2,50 euro.
Continuerà comunque anche la programmazione, senza prenotazione, di “Suoni e luci” classico, proposto in cinque repliche giornaliere a programmazione fissa: 9.30, 10.30, 11.30, 14.45, 15.45.
Dopo le festività natalizie, i due nuovi spettacoli verranno programmati in alternanza a quello classico

Portiamo Palladio a Shanghai

Rampello: «Una Triennale in Cina e facciamo rete a Milano»

 

Non voci soliste, ma un vero e proprio concerto. Capace di mettere idealmente insieme musei (da quello del Novecento al progetto appena presentato da BancaIntesa), biblioteche (dalla Braidense all' Ambrosiana), agenzie culturali (come le gallerie d' arte), negozi di moda e design, ristoranti e festival come Mito, teatri d' opera e di prosa. L' idea che Davide Rampello, presidente della Triennale, propone oggi per Milano e per la stessa Triennale sembra voler puntare (certo) sulla ricchezza delle proposte, ma anche voler esigere impegno e sostegno «da parte delle istituzioni». Riservando comunque alla Triennale «Il ruolo di leadership e di guida che storicamente e culturalmente le spetta».

 

expo_corriere

Leggi tutto: Portiamo Palladio a Shanghai

Il Teatro Olimpico all'Expo 2010 di Shanghai

Expo2010-ShanghaiExpo2010-Shanghai-Italia

Una riproduzione in scala del Teatro Olimpico di Vicenza accoglie i visitatori del padiglione Italia  all’Expo 2010 di Shanghai.

Ad accogliere i visitatori del Padiglione italiano, oltre a tutta una serie di avvenimenti e spettacoli in itinere – sarà una ricostruzione del fronte scenico del teatro Olimpico di Vicenza, opera di Andrea Palladio. Una sorta di passaggio simbolico e suggestivo verso il cuore del Padiglione che illustrerà, con una serie di stanze ispirate dal leit motiv “vivere all’italiana”, il Paese e le sue capacità.

 

Il Padiglione Italia dell'Expo resterà a Shanghai

Il Padiglione Italia si fermerà a Shanghai. L'allestimento creato per l'Expo 2015 ospitato nella città cinese è stato apprezzato dai visititatori e organizzatori al punto da sopravvivere all'esposizione stessa. Gran parte delle strutture del padiglione resteranno nella capitale economica cinese, mentre il resto sarà trasferito nel museo permanente dell'Expo che aprirà i battenti nel 2012.

Il padiglione diventerà un vero e proprio riferimento del sistema Italia in terra cinese e, sebbene sarà gestito da istituzioni locali, darà modo a imprese, associazioni e Regioni della Penisola di avere una vetrina stabile. La struttura è costata 19 milioni di euro e ha ospitato oltre 7 milioni di visitatori. Oltre a quello italiano, saranno solo due o tre gli allestimenti che saranno mantenuti a Shanghai, sui 168 Paesi partecipanti.

Fonte TTG

Il Padiglione Italia dell'Expo resterà a Shanghai

Il Padiglione Italia si fermerà a Shanghai. L'allestimento creato per l'Expo 2015 ospitato nella città cinese è stato apprezzato dai visititatori e organizzatori al punto da sopravvivere all'esposizione stessa. Gran parte delle strutture del padiglione resteranno nella capitale economica cinese, mentre il resto sarà trasferito nel museo permanente dell'Expo che aprirà i battenti nel 2012.

Il padiglione diventerà un vero e proprio riferimento del sistema Italia in terra cinese e, sebbene sarà gestito da istituzioni locali, darà modo a imprese, associazioni e Regioni della Penisola di avere una vetrina stabile. La struttura è costata 19 milioni di euro e ha ospitato oltre 7 milioni di visitatori. Oltre a quello italiano, saranno solo due o tre gli allestimenti che saranno mantenuti a Shanghai, sui 168 Paesi partecipanti.

Fonte TTG

Notti trasfigurate con Salvatore Accardo

 
IX Edizione
 
Domenica 17 ottobre
Salvatore ACCARDO violino
Rocco FILIPPINI violoncello
Simonide BRACONI e Francesco FIORE viole

ESTRIO
Laura GORNA violino
Cecilia RADIC violoncello
Laura MANZINI pianoforte
 
musiche di Mozart e Arensky
 
Info e prenotazioni
Società del Quartetto di Vicenza
Vicolo Cieco Retrone, 24 - 36100 Vicenza
Telefono: 0444 543729    Fax +39 0444 543546
La segreteria dell'Associazione è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 17

Sito Internet:
www.quartettovicenza.org

63° Ciclo di Spettacoli classici

63° CICLO DI SPETTACOLI CLASSICI

 TEATRO OLIMPICO DI VICENZA

 

Oreste di Euripide (24 – 26 settembre) il primo titolo in cartellone e porterà al Teatro Olimpico lo spettacolo prodotto dal Teatro Nazionale Greco per la regia del suo direttoreYannis Hourvadas. La tragedia sarà presentata nella versione in Greco moderno con sottotitoli in Italiano da una grande compagnia di 25 attori. Euripide, nel parlare del dramma fatale dell’eroe che si è macchiato di un terribile crimine, ci parla anche del destino della democrazia ad Atene che sta per lasciare per sempre. In occasione dello spettacolo, sarà pubblicata nei quaderni del Teatro Olimpico la nuova traduzione italiana dal Greco antico di Davide Susanetti,  appositamente commissionata dal Teatro Stabile del Veneto per il 63° Ciclo degli Spettacoli Classici.

 Erodiade di Giovanni Testori, secondo spettacolo del Ciclo, (14 – 16 ottobre) costituisce la rilettura moderna d’un dramma antico. Testori definisce Erodiade “un personaggio a metà fra il Dio astratto e quello incarnato, che rappresenta la nostra perplessità ad accettare l’incarnazione di Cristo”. Si tratta di un testo che spacca la convenzione teatrale, in cui il pubblico viene chiamato direttamente in causa. Sola sulla scena vuota, Erodiade si rivolge ora alla testa di San Giovanni, ora all’autore stesso, rivelando le vere motivazioni della decollazione del Battista. È stata lei stessa a spingere la figlia Salomé tra le braccia di Erode e a chiederle la testa di Giovanni, colpevole di aver rifiutato il suo amore. Completamente identificata nella sua passione impossibile,  Erodiade  sfida il Dio carnale di Giovanni e cerca la morte in scena.  Composta  tra il 1967 e il ’68, Erodiade fu pubblicata per la prima volta nel 1969 e quindi rielaborata nel 1984 fino al rifacimento dell’Erodiàs, inclusa nel corpus dei Tre Lai, usciti postumi nel 1994.

 In Shakespeare e l'Olimpico, scene e improvvisazioni di e con Giorgio Albertazzi (29 – 30 ottobre), il grande attore porta a teatro le suite di Duke Ellington Such sweet thunder in uno spettacolo appositamente ideato per il 63. Ciclo di Spettacoli Classici.Nel 1957,durante una tournée in Canada con i suoi Cats, Ellington scopre Shakespeare, scopre che tra la leggerezza del jazz e il ritmo dei suoi versi esiste una sorta di naturale complicità. Amleto, Otello, Cleopatra, Romeo e Giulietta, e tutti gli altri: Giorgio Albertazzi  li porta sulla scena dell’Olimpico con una giovane partner e un solista jazz. 

  

Prevendita dei biglietti:
 
Da mercoledì 1 settembre 2010
tel. 0444 324442
Botteghino del Teatro Olimpico, stradella del Teatro Olimpico
martedì-sabato: 11.00-15.00
tel. 0444 222801
 
 
On line al sito: www.greenticket.it

In tutti i punti green ticket tra cui:
Agenzie AVIT
Filiali della Banca Popolare di Vicenza
Call center 899 500 055
 
Prezzo dei biglietti:
Gradinata intero 23,00 € + 2.50 diritto di prevendita
Gradinata ridotto 20,00 € +1,50 d.p.
Platea intero 16,00 € + 1,50 d.p.
Platea ridotto 14,00 euro + 1,50 d.p. rid.
Studenti: Gradinata/Platea 9,00 € + 1,50 d.p.
 
Oreste + Erodiade + Shakespeare per l'Olimpico
Gradinata intero € 57,00 (19,00 x3) + 4,50 (1,50 x 3) d.p.
Gradinata ridotto € 48,00 (16,00 x 3) + 4,50 (1,50 x 3) d.p.
Ridotto Gradinata Studenti 21,00 (7,00 x 3) + 4,50 (1,50 x 3) d.p.
 
Riduzioni:
Giovani fino ai 30 anni, over 60
Associazioni culturali musicali
Touring Club Italiano
Dipendenti Comune di Vicenza
Dipendenti AIM
Gli organizzatori si riservano il diritto di apportare al programma eventuali modifiche dovute a circostanze impreviste.
 
 
Informazioni:
Teatro Stabile del Veneto - Ufficio Promozione telefono 041 2402020; ufficiopromozione@teatrogoldonive.it
Comune di Vicenza - Assessorato alla Cultura Telefono 0444 221541; infocultura@comune.vicenza.it.

 

Il Teatro Olimpico all'Expo 2010 di Shanghai

Expo2010-ShanghaiExpo2010-Shanghai-Italia 

Una riproduzione in scala del Teatro Olimpico di Vicenza accoglie i visitatori del padiglione Italia  all’Expo 2010 di Shanghai.

Ad accogliere i visitatori del Padiglione italiano, oltre a tutta una serie di avvenimenti e spettacoli in itinere – sarà una ricostruzione del fronte scenico del teatro Olimpico di Vicenza, opera di Andrea Palladio. Una sorta di passaggio simbolico e suggestivo verso il cuore del Padiglione che illustrerà, con una serie di stanze ispirate dal leit motiv “vivere all’italiana”, il Paese e le sue capacità.

 

CENTRO PRENOTAZIONI UFFICIALE VISITE

TEATRO OLIMPICO

 

GRUPPI & SCUOLE

musei civici vicenza

Teatro Olimpico e Card Musei
 Tel. 0444 964380 
Call center aperto
lunedì-venerdì 9 -13/14-18

VISITE E ORARI

Piazza Matteotti 11  Vicenza (Italia) - mappa


Il Teatro è aperto da martedì a domenica,
CHIUSO LUNEDI',
25 dicembre e 1° gennaio.
 

Traduttore automatico

itfrdeptrues

Cerca nel sito

vicenza-e-cuore-del-veneto

vicenza-patrimonio-unesco

Visita www.vicenzae.org,
il portale turistico di Vicenza
e della sua provincia.

Contattaci

CENTRO PRENOTAZIONI VISITE TEATRO e MUSEI CIVICI VICENZA - Telefono: +39 0444 964380
UFFICIO IAT – INFORMAZIONI E ACCOGLIENZA TURISTICA - Telefono: +39 0444 320854
CONSORZIO DI PROMOZIONE TURISTICA
Telefono: +39 0444 994770 - Fax: +39 0444 99 47 79
Email: info@vicenzae.org - Web: www.vicenzae.org
Pagina Facebook